Blog


Come verificare l'autenticità di una foto o immagine?? Continua a leggere....

Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo. (17G00085) (GU Serie Generale n.127 del 03-06-2017)note: Entrata in vigore del provvedimento: 18/06/2017

Martina ed Erika sono due ragazze poco più ventenni, che hanno dovuto affrontare un fatto sgradevole su instagram.

La condivisione delle immagini e di buona parte della propria vita sui social network è un’abitudine di molti come lo è anche quella di attaccare gratuitamente, con offese e battute, ciò che si vede. Questi ‘leoni da tastiera’, grazie alla possibilità di nascondersi dietro allo schermo o di sfruttare l’anonimato o uno pseudonimo, agiscono sul web sputando le loro sentenze. Gli attacchi sono molteplici e non riguardano solamente i comuni cittadini ma spesso sono proprio le persone famose che, vittime di queste forme di bullismo, decidono di ribellarsi a questo stato di cose. Ma cosa si intende per body shaming?

Vi segnaliamo che sta per iniziare l'ultimo dei laboratori di Sartoria del progetto “FARE PACE” - Laboratori per favorire il benessere dei giovani attraverso l'incontro, l'espressione artistica e il lavoro comune, che il Centro Astalli Trento grazie alla collaborazione con le Politiche Giovanili , sta portando avanti.

Riceviamo e pubblichiamo con il suo consenso la testimonianza di Valentina, con la speranza che la sua storia possa essere d'aiuto.

Questo cari signori è quello che stò passando in questo periodo, buffo eh.... Un presidente di un associazione contro il bullismo e cyberbullismo vittima proprio di Cyberbullismo

Una ragazza si è travestita da Samara (personaggio di un film horror), ha girato e forse sta ancora girando per le strade della città di Palermo .

Una nuova pericolosa sfida tra giovani che si è diffusa tra i social: il “Planking”

Comunicato importante su alcuni fatti spiacevoli che sono successi ultimamente, dove sono coinvolti altri Presidenti di associazioni No profit, se avete un problema con loro, perchè tirare in mezzo noi???

A smascherarli stavolta è l'agenzia funebre Taffo, celebre per le sue campagne dissacranti. «Qualcuno ha utilizzato il nostro nome per pubblicare post meschini sulla morte di Nadia Toffa - scrivono sul loro profilo Facebook - Non è opera nostra, seguiranno denunce».

Fortissima partecipazione al nostro evento,è stato stupendo vedere i passanti fermarsi incuriositi e poi partecipare attivamente è stato uno dei momenti davvero speciali,GRAZIE PALERMO!!!