Blog ##bullismo


Un estratto del mio intervento su Trentino TV nella trasmissione #filo #diretto un grazie particolare a tutto lo staff che mi ha messo subito a mio agio

Spero che tu possa leggere questa lettera e cercare di capire davvero la situazione, perchè così è una situazione insostenibile...

Siamo stanchi di subire tanta cattiveria e ignoranza!!

Sono “solo” 45 anni, che gli psicologi se ne occupano: Then Olwens, il primo ricercatore a indagare sul bullismo - nel 1973, in Norvegia - usò la parola mobbing per descriverlo.

I libri sono da sempre la mia grande passione: trovo che la lettura sia un mezzo meraviglioso per viaggiare con la fantasia, sognare, ridere, ma anche per pensare e riflettere.

Riceviamo e pubblichiamo con il suo consenso la testimonianza di Valentina, con la speranza che la sua storia possa essere d'aiuto.

Chiunque, anche se minorenne, potrà chiedere ai gestori dei siti internet la rimozione o l'oscuramento di contenuti che costituiscano oggetto di cyberbullismo: lo prevede la legge.

La violenza non è mai "una ragazzata" e gli adolescenti violenti non sono "baby bulli" ma gruppetti di criminali spesso figli di famiglie "normali" che non respirano le subculture del degrado e dell'emarginazione.

Inoltre il 23% degli adolescenti subisce atti di bullismo reiterati da compagni di scuola e coetanei. 155 mila i minori, sotto i 15 anni, che nel mondo trovano la morte a seguito di abusi e violenze. Meno note invece le conseguenze di queste condizioni in età adulta. Se ne è parlato al congresso della Associazione europea di psichiatria (EPA) in corso a Firenze.

Le proposte di pediatri, polizia e Facebook rivolte ai ragazzi e ai genitori per arginare il fenomeno

Bullismo e cyberbullismo, le cronache degli ultimi anni raccontano decine di casi di ragazzi vittime di coetanei. La storia di Vigevano, adolescenti presi di mira dal branco, uno in particolare addirittura violentato, raccontano l'urgenza di mettere mano al fenomeno anche da un punto di vista normativo, tenendo a mente che tutti i soprusi e le vessazioni di cui i nostri figli possono divenire vittime o carnefici vengono ampliate a dismisura da internet e dai social network.

Le vittime di bullismo, sottoposte a stress di tipo cronico, risultano essere a rischio di sviluppare diversi disturbi sia psichiatrici sia fisiologici. Essere vittime di bullismo durante l'infanzia comporta effetti a lungo termine, correlati all'esposizione a fattori di stress di tipo cronico, a livello della salute sia fisica sia mentale.